iten
METODO BREVETTATO

CONVERSIONE DI SUPERFICI APPLICATO AL GOLF


L’iniziativa di Greenmakers di realizzare, attraverso la “conversione di una superficie”, un'installazione per la pratica del golf, intende riproporre parzialmente la concezione del comune campo pratica (Driving Range), creando uno spazio dedicato a questo democratico sport, per il training del neofita e del giocatore professionista.

Il campo pratica è un’area idonea a sviluppare la tecnica necessaria al gioco del golf ed in tal senso è visto come servizio promozionale e di avviamento alla attività sportiva. Ai fini del regolamento della FIG si definisce campo pratica uno spazio aperto, rettangolare, con dimensioni minime di mt 220x60.

Nella sua completezza deve essere attrezzato con:

  • un’area per il gioco lungo: composta da un’area di tiro, detta anche “battitore” e da una zona di atterraggio delle palline, detta “landing area”; • un’
  • area per il gioco corto: putting green per la pratica del putt e pitching green per i colpi di approccio (pitch e chip).

Un DrivingRange può inserirsi oltre che come parte integrante di un campo da golf, come struttura a se stante, solitamente all’interno o nelle immediate vicinanze di un centro abitato o all’interno di una struttura turistico ricettiva, deve permettere:

  • di soddisfare le esigenze di golfisti di qualsiasi livello;
  • far divertire i neofiti, avviandoli con maggiore conoscenza e sicurezza al giro sul percorso effettivo;
  • di concentrare la pratica su colpi specifici col fine di apportare miglioramenti alla tecnica;
  • l’ottimizzazione del tempo disponibile.

Un campo pratica necessita, per aspetti visivo-funzionali, di un orientamento fisso sud- nord, oltre ad una dotazione di aree funzionali idonee:

  • al lancio d’inizio;
  • all’avvicinamento alla buca quindi all’esercizio del pitch e chip;
  • al colpo finale putt.

L’attenzione di GREENMAKERS è focalizzata alla realizzazione di una superficie ideale, GREEN SINTETICO, per la pratica di tutti i colpi golfistici che rientrano nella categoria normalmente definita “gioco corto”, coniugando facilità e semplicità realizzativa con prestazioni di gioco altamente professionali.